La luce del cielo in una stanza

(di Andrea Cacaci) – Febbraio 2021

L’uso della luce come materiale dell’architettura è declinabile in vari modi. Da un lato c’è il modo degli artisti: un esile filo conduttore unisce i lavori di Dan Flavin, James Turrell e Olafur Eliasson, tutti giocano con l’ego di noi spettatori. Ci trasportano in un mondo che altrimenti sarebbe sconosciuto. Per dirla con le parole di Antoine de Saint-Exupéry ci svelano quell’essenza invisibile ai nostri occhi; le loro opere mostrano la realtà che non riusciamo a vedere pur essendo di fronte a noi.

La Chiesa Rossa a Milano intervento di Dan Flavin; foto di Andrea Cacaci.

Dall’altro lato c’è il modo degli architetti che usano la luce come strumento per dare forma allo spazio.  L’architettura è la messa in scena della dialettica tra luce e volume; si va oltre la funzione di illuminare fino a giungere alla scoperta della specificità di un luogo. La ricerca dell’equilibrio tra la materia solida e la trasparenza delle aperture è uno dei punti di partenza del costruire nel mondo occidentale (un esempio emblematico è il Pantheon a Roma, la cui meraviglia è ben nota a tanti). L’oggi è invece segnato dagli sviluppi tecnologici delle costruzioni in acciaio e vetro che, da un lato, hanno consentito maggiore libertà espressiva all’architettura, ma dall’altro hanno anche mutato il ruolo della luce, relegandola ad un aspetto secondario.  Il trattato di Paul Scheerbart sull’”Architettura di vetro” scritto nel 1914, col suo inno alla trasparenza ha condotto a prodotti architettonici dal sapore integralista: la Maison de Verre di Pierre Chareau, la Casa Farnsworth di Mies e la Glass House di Philip Johnson ergono la luce a materia principale se non unica del progetto.  Tuttavia l’equazione: più trasparenza = luce migliore, sostenuta in questi lavori è chiaramente incompleta e fuorviante.

La Glass House di Philip Johnson, foto di A. Latina Brown.
(This file is licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International license)

Sarà Peter Zumthor a svelarci l’essenza della realtà. Un suo breve scritto del 2005 riassume già dal titolo la sua posizione: “Di quanta luce ha bisogno l’uomo per poter vivere e di quanta oscurità?”.  Il suo progetto per la Kunsthaus nella cittadina austriaca di Bregenz è una vera “casa di vetro” che fa della luce la protagonista principale della costruzione; principale ma non unica, perché noi abbiamo bisogno della luce ma anche dell’oscurità, ed è solo tornando alla primigenia natura dell’architettura, fatta di trasparenza e materia, che riusciamo a rispettare questo equilibrio.

Kunsthaus a Bregenz, esterno; foto di Andrea Cacaci.

Uno scatolone in vetro opalino che racchiude tre scatole di cemento col coperchio in vetro. Questa la scarna descrizione costruttiva dell’edificio di Zumthor.

KunstHaus a Bregenz, sezione trasversale, tratta dal volume: Peter Zumthor Kunsthaus Bregenz, KUB.

Qui il compito del vetro non è quello di trasmettere ma di accompagnare la luce.  La trasparenza si trasforma in presenza: la luce è fisica, visibile e tangibile; l’architettura è dinamica e mutevole, è influenzata dal passaggio del tempo: le ore e le stagioni ne definiscono l’immagine.  Una sola visita non ne svela l’essenza. La Kunsthaus richiede più visite ripetute per poter essere colta nella sua intima natura. E’ solo in alcuni momenti che i nostri occhi riusciranno a catturare tutte le gradazioni cromatiche del cielo all’interno delle stanze del museo, ad esempio al tramonto col rosso dell’ovest fino all’azzurro intenso del cielo del nord.

Panoramica interna della Kunsthaus di Bregenz, foto di Andrea Cacaci.
Esposizione di Olafur Eliasson: The mediated motion, 2001 – Photo: Markus Tretter (copyright by Studio Olafur Eliasson GmbH)
Interazione tra luce naturale e luce artificiale nella Kunsthaus di Bregenz, foto di Andrea Cacaci.

Bibliografia e link:

http://www.fondazioneprada.org/project/chiesa-rossa/

Paul Scheerbart: Architettura di vetro, Adelphi.

Peter Zumthor, Jon Mathieu, Ivan Beer: Di quanta luce ha bisogno l’uomo per poter vivere e di quanta oscurità? Ed. Compositori.

Peter Zumthor: Kunsthaus Bregenz, KUB.

Distribuiamo in esclusiva sul territorio italiano tutti i prodotti e servizi legati al sistema NCS – Natural Colour System®©. NCS – Natural Colour System®© è un sistema logico di ordinamento dei colori che si fonda cu come questi vengono percepito dall'uomo.

Tagged with: , , , , , , ,
Pubblicato su Luce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog colours.it
Entra in NCS Colour Club
Scopri l’NCS Point più vicino a te
Archivio
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: