Colori caldi e freddi

(di Guglielmo Giani) – marzo 2020

Internet abbonda di tecniche per insegnare ai bambini la differenza tra i colori caldi e quelli freddi, una linea spesso invisibile e un po’ flessibile lungo la ruota dei colori per separare i rossi, gli arancioni, i gialli e i marroni dai blu, i verdi e i viola. Si dice che l’equilibrio tra questi due elementi esalti la bellezza di molte opere d’arte e gli architetti d’interni sostengono che i colori freddi allontanano e fanno espandere le stanze, mentre i colori caldi rendono le stanze più “accoglienti”. Tuttavia, la causa e l’origine del divario caldo-freddo sono tuttora oscure, in gran parte basate sui sentimenti a volte ambigui e sovrapposti che i diversi colori suscitano, in contrapposizione a qualsiasi chiara distinzione scientifica.

Un recente studio1 sostiene come nelle diverse lingue i colori caldi e freddi possano essere distinti in funzione di quanto è facile descriverli. Quando si cerca di descrivere un colore a qualcun altro, quella persona identificherà più velocemente il colore corretto se è caldo piuttosto che freddo. Questo risultato trova probabilmente le proprie radici nell’evoluzione della visione dei colori negli esseri umani e negli altri primati.

Lo studio, pubblicato nel Proceedings of the National Academy of Sciences, ha chiesto un gruppo di persone, la cui lingua madre fosse l’americano, lo spagnolo boliviano o una lingua amazzonica chiamata Tsimane, di effettuare un test di riconoscimento dei colori. I ricercatori hanno dato a un partecipante (il donatore) un campione colore selezionato a caso, chiedendogli di descriverlo a un altro partecipante (il ricevente) usando un’unica parola. Il ricevente doveva selezionare tutti i campioni che potevano rientrare nella categoria descritta dal termine – qualsiasi cosa e tutto ciò che assomiglia a un giallo, o a un rosa, o a un verde, e così via.

Il numero di campioni che il ricevente ha scelto era esemplificativo di una comunicazione “efficiente”: meno campioni corrispondevano a una parola, meno tentativi ci sarebbero voluti perché l’ascoltatore trovasse il campione giusto.

Oltre ai tre gruppi linguistici, i ricercatori hanno utilizzato i dati del famoso censimento World Color Survey. Quando i ricercatori hanno classificato i dati di tutte le 113 lingue, hanno evidenziato una chiara divisione tra colori caldi e freddi: i riceventi sceglievano un minor numero di campioni quando i donatori enunciavano un colore “caldo”. Se dovessimo dividere il corpus di tutti colori percepibili, ogni lingua avrebbe più parole per descrivere la metà calda che la metà fredda. Le parole calde sono più specifiche e più efficienti nel trasmettere un significato.

“Dal punto di vista dell’evoluzione del linguaggio, l’essere umano si è dato molto da fare a creare ed attribuire nomi a cose”, sostiene Bevil Conway (co-autore e ricercatore presso il National Institutes of Health’s National Eye Institute) quindi è ragionevole pensare che siamo più propensi a dare un nome alle cose a cui teniamo di più. Se ci interessano di più le cose dai colori caldi probabilmente daremo un nome a colori più caldi, e lasceremo i colori freddi con meno parole specifiche per descriverli. È comune nella lingua inglese che certi colori vengano identificati sia come blu che come verdi.

Eppure, dice Paja Faudree, antropologo linguistico della Brown University, “non sembra necessariamente ovvio che questa sia una sorta di distinzione universale” tra le diverse culture di tutto il mondo. Faudree, che non è stata coinvolta nello studio, è scettica sull’affidabilità dei dati, dato che “non tutte le lingue hanno parole per descrivere colori che siano legate ad altri aspetti di un oggetto: la grammatica di una lingua, per esempio, può essere tale che i termini di colore sono inestricabili dalle parole che descrivono qualità come fragilità o infiammabilità. Conway riconosce che la maggior parte delle lingue non ha un solo termine per il concetto di colore, per cui può essere difficile anche solo spiegarlo.

  1. Gibson et al. Color Naming Across Languages Reflects Color Use Proceedings of the National Academy of Sciences Oct 2017, 114 (40)
Tagged with: , , , , , , , ,
Pubblicato su Scienza

BIRRA SHOCKING

INTERIOR | OMNIPOLLO

Anche la birra è espressione delle culture urbane. Non solo Omnipollo sperimenta nuovi gusti, ma studia l’immagine di bottiglie e lattine attraverso la collaborazione con artisti legati al mondo street. Contribuisce così a consolidare l’immaginario pop, fatto di grafiche energetiche e psichedeliche.

L’azienda svedese ha inaugurato poco tempo fa una birreria ad Amburgo, il cui interior riflette esattamente quella filosofia. Nulla di glamour. Situato in una posizione un po’ marginale, è segnalato da un’insegna al neon, rapido collegamento con gli anni ’80.

Il disegno degli interni conserva le preesistenze edilizie, a partire dagli archi in mattoni, ma inonda lo spazio con vernici e resine dai colori shocking. Unico elemento decorativo aggiunto, la pannellatura lignea sui pilastri, dal margine a zig-zag.

Fucsia, rosso e giallo creano un’insolita parentesi underground nel grigiore della città tedesca.

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Flash

Il libro rosso

(di Tiziana Vernola) – febbraio 2020

Il rosso è un colore considerato potente e dominante, simboleggia l’energia, attira la nostra attenzione, e nelle persone più sensibili può suscitare tensione e agitazione interna.
Ciononostante questo colore è espressione di slancio, velocità, potere e gioia, ma anche di pericolo e passione, sessualità e amore romantico.
Questo colore è talmente ricco di significati, che non è sfuggito all’attenzione dello psichiatra svizzero Carl Gustav Jung che tra il 1913 e 1930, che scrisse e illustrò il “Libro Rosso”, o “Liber Novus (“Libro Nuovo”), un’opera di 205 pagine, pubblicata poi, nel 2009.

Jung iniziò a lavorare al Libro Rosso a seguito di una personale crisi esistenziale che lo colse dopo la pubblicazione di “La libido: simboli e trasformazioni” e all’allontanamento da Freud, suo maestro.
Autobiografico, raccoglie scritti e immagini, e costituisce un esempio di quello che Jung stesso definirà in seguito “immaginazione attiva”.
Il libro venne inizialmente chiamato Liber Novus ma era conosciuto come Il Libro Rosso.

Ricco di illustrazioni che evocavano immagini fantasmatiche, è considerato un esercizio di “immaginazione attiva”, intesa come strumento di conoscenza ed analisi dell’inconscio.

   

“Gli anni più importanti della mia vita furono quelli in cui inseguivo le mie immagini interiori. A essi va fatto risalire tutto il resto. Tutto cominciò allora, e poco hanno aggiunto i dettagli posteriori. La mia vita intera è consistita nell’elaborazione di quanto era scaturito dall’inconscio, sommergendomi come una corrente enigmatica e minacciando di travolgermi. Una sola esistenza non sarebbe bastata per dare forma a quella materia prima. Tutta la mia opera successiva non è stata altro che classificazione estrinseca, formulazione scientifica (…). “

Rilegato in pelle rossa, trascritto in caratteri gotici, il Libro Rosso include fregi e dipinti fatti da Jung in persona, frutto delle visioni e delle voci che albergavano nella sua testa.
Il libro penetra in un universo parallelo, tutt’oggi in parte incomprensibile, nonostante gli innumerevoli tentativi di interpretazione.
Perché come diceva Jung, il mistero è prezioso e non deve essere necessariamente spiegato: “E’ importante avere un segreto, una premonizione di cose sconosciute. L’uomo deve sentire che vive in un mondo che, per certi aspetti, è misterioso; che in esso avvengono e si sperimentano cose che restano inesplicabili. Solo allora la vita è completa”.
L’idea del Libro Rosso gli nacque per via di una premonizione: durante un viaggio in treno vide l’arrivo di un’alluvione che avrebbe interessato l’intera Europa, metafora di quella che sarebbe stata la Prima Guerra Mondiale.

Il libro Rosso è una discesa negli Inferi, in cui è difficile orientarsi e grazie alla “immaginazione attiva”, le immagini dell’inconscio, trovano una forma e significato, in grado di favorire l’autoconsapevolezza.

Oggi “l’immaginazione attiva” è una tecnica ancora in auge presso alcuni terapeuti, lontana da inutili intellettualismi, trova applicazione nella tecnica della “Esperienza Immaginativa” che è possibile sperimentare nell’ambito di una “Psicoterapia con L’esperienza Immaginativa”.
La psicoterapia con l’E.I. si inquadra, in una cornice teorica riconducibile alla psicologia del profondo ed è un modello basato sull’uso privilegiato della produzione immaginativa.
Si ritiene l’“immaginario” luogo centrale di cura e trasformazione; è psicodinamica, perché ha come oggetto di studio l’insieme di meccanismi e processi psichici sottesi al comportamento.
Questa metodologia è un momento creativo “a due”, collocato in un contesto fatto di collaborazione, fiducia e spontaneità, in cui il terapeuta diventa partecipe dei processi creativi del paziente.

Ciò che interessa fare, è portare la persona a una riflessione profonda e a un certo distanziamento dalle proprie azioni, in modo da favorire lo sviluppo della sua emotività e della consapevolezza di sé.
Divenendo sempre più consapevole delle proprie potenzialità, il paziente, adulto o bambino, può quindi costruire un equilibrato e sereno contesto di vita e soprattutto entrare delicatamente in contatto con le proprie emozioni e, in molti casi, a imparare a esprimerle con maggiore libertà.

Tagged with: , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Psicologia

LA GIUNGLA SECONDO MIUCCIA

FASHION STORE | PRADA

Prada è anche sperimentazione progettuale su livelli molto elevati. E non solo sulle passerelle.

Per il lancio al pubblico della collezione primavera-estate 2020, il marchio milanese ha allestito un corner-installazione alle Galeries Lafayette di Parigi – presente fino al 10 febbraio – decisamente sbalorditivo, intitolato Hyper Leaves. Un gazebo dalle forme molto tradizionali (da giardino pubblico, da luna park) viene trasposto in forme psichedeliche. Sulla struttura vede brillante vengono sovrapposti ritmicamente tubi al neon. Lo stesso trattamento viene esteso ai pilastri adiacenti. Elemento unificatore dello shop, un tappeto in tinta dal perimetro curvo.

Secondo le recenti tendenze cromatiche nel campo del retail, il verde si sta rivelando un vero colore da guerrilla marketing, dalla forte personalità ma capace di incidere sullo sguardo del visitatore e di adattarsi alla personalità dei brand più diversi.

 

Pubblicato su Flash

Il colore si fa spazio

(di Gianluca Sgalippa) – gennaio 2020

Da alcuni anni a questa parte, nel mondo del progetto, la ricerca cromatica sembra essere diventata un atto imprescindibile, a tutte le scale. Dalle facciate dei nuovi edifici fino ai piccoli spazi interni, la creazione di un manufatto architettonico viene sempre più vissuta come una vera e propria composizione cromatica, sia bidimensionale (il prospetto) che tridimensionale (un ambiente con qualunque destinazione). Ma come accade sia nella pittura figurativa che nell’astrattismo, l’uso del colore non è assoluto: esso trova un senso se relazionato alla luce e alla geometria.

L’attività formativa di NCS Colour Center Italia, da tempo impegnata nella divulgazione specialistica della cultura cromatologica, fornisce ampie argomentazioni in merito sia attraverso strumenti scientifico-disciplinari sia attraverso vaste esemplificazioni progettuali. Ne scaturisce un panorama creativo assai fervente che supera il total white del ventennio di fine secolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

In fatto cromatico, non esistono vere e proprie tendenze dominanti. Anzi, l’unica tendenza consiste proprio nel far convivere tanti indirizzi del gusto, con una gamma di scelta assai vasta e disinibita. Il nostro ruolo, in questa sede, può limitarsi a registrare entusiasticamente (e in generale) questo fenomeno, oltre ad alcune rilevazioni di un certo interesse, che riportiamo qui di seguito, a titolo più metodologico che manualistico.

Un accostamento assai ricorrente nell’interior – e non solo – è l’abbinamento tra i toni del verde e quelli del rosa, ricordando che si tratta di due tinte opponenti. La seconda, anche usata da sola, rappresenta addirittura un vero e proprio trend: colore coraggioso, al rischio della nausea, è stato riscoperto da poco, a dispetto della sua tradizionale valenza femminile.

 

 

 

 

 

 

 

 

Altre palette ampiamente sdoganate riguardano l’arco cromatico tra blu e verde. Da sempre accusati di essere “freddi” e, per questo, poco adatti allo spazio interno, sono oggetto di interessanti esplorazioni. Il loro uso riguarda soprattutto le tonalità più desaturate e chiare, che danno luogo a effetti vellutati e metafisici.

Senza riferimento a tinte specifiche, dobbiamo ricordare che sta riprendendo piede gli accostamenti a contrasto. E qui il gioco diventa perfino divertente, come se lo spazio fosse una tela pittorica. Colori primari, nuance pastello, tinte acide e toni neutri partecipano a un processo creativo (cui il Sistema NCS fornisce però basi razionali e scientifiche) pressoché illimitato.

In termini più estremi, lo studio del colore può dare luogo a esperienza di tipo addirittura immersivo, specialmente se si tratta di spazi monocolore: l’emozione dell’utente si sprigiona soprattutto di fronte all’annullamento delle coordinate spaziali.

Tagged with: , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su design

COLORE DI QUARTIERE

URBAN ART | AMSTERDAM HEESTERVELD

 
Il quartiere residenziale di Heesterveld, situato nell’hinterland meridionale di Amsterdam, è un vero e proprio incubatore di progettazione partecipata. Qui ogni creativo (grafici, musicisti, artisti visivi, dj, ecc.) mette a disposizione le proprie competenze per la qualificazione dell’ambiente collettivo e della socialità. Chiaramente in senso multidisciplinare.

Tra attività culturali e intrattenimento, quell’area non soffre il degrado che normalmente accompagna le periferie. Fa parte di quel programma anche l’intervento cromatico per il restyling delle facciate di una delle quattro corti che compongono il quartiere. Progettato da Floor Wesseling, consiste nell’applicazione di enormi strisce colorate sui pannelli prefabbricati preesistenti.

Quegli spazi a tinte vivaci, ora, sono lo sfondo di manifestazioni di vario tipo, sia diurne che serali. Insomma, hanno rappresentato l’innesco della vera vitalità di quell’area.

Tagged with: , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Flash

PASTELLO SOFFICE

FURNITURE DESIGN | DERLOT

Il talento di Alexander Lotersztain, giovane progettista australiano, sta dando filo da torcere al mondo del design europeo. Con Derlot, la linea sua linea d’arredo autoprodotta, propone elementi dal mood contemporaneo, dal forte appeal formale e tipologico.

Il marchio ha appena lanciato Tetromino Soft, una collezione di imbottiti componibili, costituita da un abaco di elementi di formati diversi ma dalle geometrie molto semplici, con spigoli a doppia aletta.

Del tutto insolita la compilazione della palette cromatica. Lotersztain sceglie numerose tinte, tutte di tono pastello. I colori appaiono luminosi e brillanti, tuttavia senza eccesso di saturazione. Ciò si pone in controtendenza rispetto al trend dei tessuti da divano nei toni del grigio (preferibilmente scuro) o della pelle nera.

Il tessuto delle sedute è a effetto tema, mentre i cuscini supplementari sono in velluto.

Tagged with: , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Flash
I nostri partner della settimana
Il nostro rivenditore della settimana
Archivio