Colore e vita

(di Luciano Merlini) – aprile 2020

Creatività, sensibilità e responsabilità del color designer 

Sarà perché generalmente libero da vincoli tecnici, sarà perché permette di esprimere al meglio la creatività, sarà perché è l’aspetto che più colpisce e coinvolge i loro committenti, ma il colore è uno degli argomenti più appassionanti per un interior designer, architetti e arredatori.
Sapendo infatti che il colore non è solo espressione estetica in quanto agisce e interagisce con la persona trasmettendo sensazioni che ogni individuo percepisce in modo proprio, riuscire ad interpretare non solo i gusti, ma anche e soprattutto le aspettative emozionali del proprio committente, è per il progettista una sfida molto stimolante.

Non sempre però le cose sono così semplici.

Proprio in virtù delle potenzialità “comunicative” che ha il colore, quando il destinatario di un progetto non è un singolo individuo o un ristretto numero di persone ma una “comunità”, il discorso si fa più impegnativo in quanto il progettista deve mediare fra gusti, sensibilità e personalità disparate.
In questi casi, infatti, più che le aspettative personali vanno colte le esigenze trasversali della popolazione e questo partendo dalla funzione a cui è destinato un certo ambiente.
Per esempio i luoghi di lavoro, nei quali si presuppone che il colore debba trasmettere un senso di energia, concentrazione ed efficienza, ma a fronte di una massima accoglienza e tranquillità.
Mettere cioè le persone a proprio agio, pur in ambiti e contesti fisicamente e psicologicamente lontane dal loro habitat privato.

Poi ci sono situazioni ancor più particolari, dove l’operato del color designer assume una valenza decisamente più significativa perché chiamato a rispondere a problematiche più complesse e delicate.
Per esempio scuole di prima infanzia, cliniche e strutture ospedaliere, case di riposo, ecc, dove i tipi di popolazione sono particolarmente sensibili perché “costrette” a vivere in strutture nelle quali gli vengono a mancare i punti di riferimento che possono dar loro sicurezza: la casa, la famiglia, … la normalità.
Tutto questo tenendo conto anche delle diverse tipologie degli ambienti che compongono queste  strutture e delle loro specifiche destinazioni d’uso, ognuna delle quali, oltre che a necessità di carattere funzionale, può sollevare problematiche psicologiche diverse.

Per i professionisti del settore questi discorsi sono scontati, ma per molte delle amministrazioni che gestiscono queste strutture molto meno.
Sta quindi al progettista sensibilizzarle e fargli capire che i colori condizionano la vita delle persone, e che con “quattro colpi di colore qua e là” non solo non si creano condizioni ideali di vivibilità, ma che addirittura possono comprometterle

Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su Mercato

Colori caldi e freddi

(di Guglielmo Giani) – marzo 2020

Internet abbonda di tecniche per insegnare ai bambini la differenza tra i colori caldi e quelli freddi, una linea spesso invisibile e un po’ flessibile lungo la ruota dei colori per separare i rossi, gli arancioni, i gialli e i marroni dai blu, i verdi e i viola. Si dice che l’equilibrio tra questi due elementi esalti la bellezza di molte opere d’arte e gli architetti d’interni sostengono che i colori freddi allontanano e fanno espandere le stanze, mentre i colori caldi rendono le stanze più “accoglienti”. Tuttavia, la causa e l’origine del divario caldo-freddo sono tuttora oscure, in gran parte basate sui sentimenti a volte ambigui e sovrapposti che i diversi colori suscitano, in contrapposizione a qualsiasi chiara distinzione scientifica.

Un recente studio1 sostiene come nelle diverse lingue i colori caldi e freddi possano essere distinti in funzione di quanto è facile descriverli. Quando si cerca di descrivere un colore a qualcun altro, quella persona identificherà più velocemente il colore corretto se è caldo piuttosto che freddo. Questo risultato trova probabilmente le proprie radici nell’evoluzione della visione dei colori negli esseri umani e negli altri primati.

Lo studio, pubblicato nel Proceedings of the National Academy of Sciences, ha chiesto un gruppo di persone, la cui lingua madre fosse l’americano, lo spagnolo boliviano o una lingua amazzonica chiamata Tsimane, di effettuare un test di riconoscimento dei colori. I ricercatori hanno dato a un partecipante (il donatore) un campione colore selezionato a caso, chiedendogli di descriverlo a un altro partecipante (il ricevente) usando un’unica parola. Il ricevente doveva selezionare tutti i campioni che potevano rientrare nella categoria descritta dal termine – qualsiasi cosa e tutto ciò che assomiglia a un giallo, o a un rosa, o a un verde, e così via.

Il numero di campioni che il ricevente ha scelto era esemplificativo di una comunicazione “efficiente”: meno campioni corrispondevano a una parola, meno tentativi ci sarebbero voluti perché l’ascoltatore trovasse il campione giusto.

Oltre ai tre gruppi linguistici, i ricercatori hanno utilizzato i dati del famoso censimento World Color Survey. Quando i ricercatori hanno classificato i dati di tutte le 113 lingue, hanno evidenziato una chiara divisione tra colori caldi e freddi: i riceventi sceglievano un minor numero di campioni quando i donatori enunciavano un colore “caldo”. Se dovessimo dividere il corpus di tutti colori percepibili, ogni lingua avrebbe più parole per descrivere la metà calda che la metà fredda. Le parole calde sono più specifiche e più efficienti nel trasmettere un significato.

“Dal punto di vista dell’evoluzione del linguaggio, l’essere umano si è dato molto da fare a creare ed attribuire nomi a cose”, sostiene Bevil Conway (co-autore e ricercatore presso il National Institutes of Health’s National Eye Institute) quindi è ragionevole pensare che siamo più propensi a dare un nome alle cose a cui teniamo di più. Se ci interessano di più le cose dai colori caldi probabilmente daremo un nome a colori più caldi, e lasceremo i colori freddi con meno parole specifiche per descriverli. È comune nella lingua inglese che certi colori vengano identificati sia come blu che come verdi.

Eppure, dice Paja Faudree, antropologo linguistico della Brown University, “non sembra necessariamente ovvio che questa sia una sorta di distinzione universale” tra le diverse culture di tutto il mondo. Faudree, che non è stata coinvolta nello studio, è scettica sull’affidabilità dei dati, dato che “non tutte le lingue hanno parole per descrivere colori che siano legate ad altri aspetti di un oggetto: la grammatica di una lingua, per esempio, può essere tale che i termini di colore sono inestricabili dalle parole che descrivono qualità come fragilità o infiammabilità. Conway riconosce che la maggior parte delle lingue non ha un solo termine per il concetto di colore, per cui può essere difficile anche solo spiegarlo.

  1. Gibson et al. Color Naming Across Languages Reflects Color Use Proceedings of the National Academy of Sciences Oct 2017, 114 (40)
Tagged with: , , , , , , , ,
Pubblicato su Scienza

Il libro rosso

(di Tiziana Vernola) – febbraio 2020

Il rosso è un colore considerato potente e dominante, simboleggia l’energia, attira la nostra attenzione, e nelle persone più sensibili può suscitare tensione e agitazione interna.
Ciononostante questo colore è espressione di slancio, velocità, potere e gioia, ma anche di pericolo e passione, sessualità e amore romantico.
Questo colore è talmente ricco di significati, che non è sfuggito all’attenzione dello psichiatra svizzero Carl Gustav Jung che tra il 1913 e 1930, che scrisse e illustrò il “Libro Rosso”, o “Liber Novus (“Libro Nuovo”), un’opera di 205 pagine, pubblicata poi, nel 2009.

Jung iniziò a lavorare al Libro Rosso a seguito di una personale crisi esistenziale che lo colse dopo la pubblicazione di “La libido: simboli e trasformazioni” e all’allontanamento da Freud, suo maestro.
Autobiografico, raccoglie scritti e immagini, e costituisce un esempio di quello che Jung stesso definirà in seguito “immaginazione attiva”.
Il libro venne inizialmente chiamato Liber Novus ma era conosciuto come Il Libro Rosso.

Ricco di illustrazioni che evocavano immagini fantasmatiche, è considerato un esercizio di “immaginazione attiva”, intesa come strumento di conoscenza ed analisi dell’inconscio.

   

“Gli anni più importanti della mia vita furono quelli in cui inseguivo le mie immagini interiori. A essi va fatto risalire tutto il resto. Tutto cominciò allora, e poco hanno aggiunto i dettagli posteriori. La mia vita intera è consistita nell’elaborazione di quanto era scaturito dall’inconscio, sommergendomi come una corrente enigmatica e minacciando di travolgermi. Una sola esistenza non sarebbe bastata per dare forma a quella materia prima. Tutta la mia opera successiva non è stata altro che classificazione estrinseca, formulazione scientifica (…). “

Rilegato in pelle rossa, trascritto in caratteri gotici, il Libro Rosso include fregi e dipinti fatti da Jung in persona, frutto delle visioni e delle voci che albergavano nella sua testa.
Il libro penetra in un universo parallelo, tutt’oggi in parte incomprensibile, nonostante gli innumerevoli tentativi di interpretazione.
Perché come diceva Jung, il mistero è prezioso e non deve essere necessariamente spiegato: “E’ importante avere un segreto, una premonizione di cose sconosciute. L’uomo deve sentire che vive in un mondo che, per certi aspetti, è misterioso; che in esso avvengono e si sperimentano cose che restano inesplicabili. Solo allora la vita è completa”.
L’idea del Libro Rosso gli nacque per via di una premonizione: durante un viaggio in treno vide l’arrivo di un’alluvione che avrebbe interessato l’intera Europa, metafora di quella che sarebbe stata la Prima Guerra Mondiale.

Il libro Rosso è una discesa negli Inferi, in cui è difficile orientarsi e grazie alla “immaginazione attiva”, le immagini dell’inconscio, trovano una forma e significato, in grado di favorire l’autoconsapevolezza.

Oggi “l’immaginazione attiva” è una tecnica ancora in auge presso alcuni terapeuti, lontana da inutili intellettualismi, trova applicazione nella tecnica della “Esperienza Immaginativa” che è possibile sperimentare nell’ambito di una “Psicoterapia con L’esperienza Immaginativa”.
La psicoterapia con l’E.I. si inquadra, in una cornice teorica riconducibile alla psicologia del profondo ed è un modello basato sull’uso privilegiato della produzione immaginativa.
Si ritiene l’“immaginario” luogo centrale di cura e trasformazione; è psicodinamica, perché ha come oggetto di studio l’insieme di meccanismi e processi psichici sottesi al comportamento.
Questa metodologia è un momento creativo “a due”, collocato in un contesto fatto di collaborazione, fiducia e spontaneità, in cui il terapeuta diventa partecipe dei processi creativi del paziente.

Ciò che interessa fare, è portare la persona a una riflessione profonda e a un certo distanziamento dalle proprie azioni, in modo da favorire lo sviluppo della sua emotività e della consapevolezza di sé.
Divenendo sempre più consapevole delle proprie potenzialità, il paziente, adulto o bambino, può quindi costruire un equilibrato e sereno contesto di vita e soprattutto entrare delicatamente in contatto con le proprie emozioni e, in molti casi, a imparare a esprimerle con maggiore libertà.

Tagged with: , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Psicologia

Il colore si fa spazio

(di Gianluca Sgalippa) – gennaio 2020

Da alcuni anni a questa parte, nel mondo del progetto, la ricerca cromatica sembra essere diventata un atto imprescindibile, a tutte le scale. Dalle facciate dei nuovi edifici fino ai piccoli spazi interni, la creazione di un manufatto architettonico viene sempre più vissuta come una vera e propria composizione cromatica, sia bidimensionale (il prospetto) che tridimensionale (un ambiente con qualunque destinazione). Ma come accade sia nella pittura figurativa che nell’astrattismo, l’uso del colore non è assoluto: esso trova un senso se relazionato alla luce e alla geometria.

L’attività formativa di NCS Colour Center Italia, da tempo impegnata nella divulgazione specialistica della cultura cromatologica, fornisce ampie argomentazioni in merito sia attraverso strumenti scientifico-disciplinari sia attraverso vaste esemplificazioni progettuali. Ne scaturisce un panorama creativo assai fervente che supera il total white del ventennio di fine secolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

In fatto cromatico, non esistono vere e proprie tendenze dominanti. Anzi, l’unica tendenza consiste proprio nel far convivere tanti indirizzi del gusto, con una gamma di scelta assai vasta e disinibita. Il nostro ruolo, in questa sede, può limitarsi a registrare entusiasticamente (e in generale) questo fenomeno, oltre ad alcune rilevazioni di un certo interesse, che riportiamo qui di seguito, a titolo più metodologico che manualistico.

Un accostamento assai ricorrente nell’interior – e non solo – è l’abbinamento tra i toni del verde e quelli del rosa, ricordando che si tratta di due tinte opponenti. La seconda, anche usata da sola, rappresenta addirittura un vero e proprio trend: colore coraggioso, al rischio della nausea, è stato riscoperto da poco, a dispetto della sua tradizionale valenza femminile.

 

 

 

 

 

 

 

 

Altre palette ampiamente sdoganate riguardano l’arco cromatico tra blu e verde. Da sempre accusati di essere “freddi” e, per questo, poco adatti allo spazio interno, sono oggetto di interessanti esplorazioni. Il loro uso riguarda soprattutto le tonalità più desaturate e chiare, che danno luogo a effetti vellutati e metafisici.

Senza riferimento a tinte specifiche, dobbiamo ricordare che sta riprendendo piede gli accostamenti a contrasto. E qui il gioco diventa perfino divertente, come se lo spazio fosse una tela pittorica. Colori primari, nuance pastello, tinte acide e toni neutri partecipano a un processo creativo (cui il Sistema NCS fornisce però basi razionali e scientifiche) pressoché illimitato.

In termini più estremi, lo studio del colore può dare luogo a esperienza di tipo addirittura immersivo, specialmente se si tratta di spazi monocolore: l’emozione dell’utente si sprigiona soprattutto di fronte all’annullamento delle coordinate spaziali.

Tagged with: , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su design

Luce del nord

(di Andrea Cacaci) – novembre 2019

Nel 1914 lo scrittore tedesco Paul Scheerbart pubblica un libro dal titolo “Architettura di vetro”. Scritto sotto forma di trattato di architettura ebbe un discreto successo tanto da essere recensito da Walter Beniamin e influenzò in qualche modo l’allora giovane architetto espressionista tedesco Bruno Taut, col quale Scheerbart ebbe una fitta corrispondenza nel suo ultimo anno di vita.

Nel 1914 si conoscevano così bene le influenze e gli influssi della luce sui nostri comportamenti che Scheerbart li dava quasi per scontati:  “Non si può certo contestare che una magnifica architettura di vetro eserciti sui nervi un influsso quanto mai benefico”. “Alla luce troppo chiara ed intensa dobbiamo in parte il nervosismo della nostra epoca. La luce smorzata dai colori ha un effetto tranquillizzante sul sistema nervoso. Perciò essa viene consigliata dagli specialisti in malattie nervose e usata come metodo terapeutico in molte case di cura”. “Non dobbiamo dunque mirare a un aumento dell’intensità della luce. La luce che abbiamo è già troppo forte e ormai insopportabile. La luce smorzata è ciò a cui dobbiamo mirare. Non “più luce!” Ma “più luce colorata!” Dev’essere il nostro motto”. (1)

Luce colorata, smorzata che si contrappone alla luce troppo chiara ed intensa. Sembra quasi che Scheerbart parli delle differenze tra la luce solare diretta, estremamente intensa e bianchissima (perché composta dalla pienezza dello spettro senza sbilanciamenti cromatici) e la luce della volta celeste, proveniente dal nord, composta soprattutto dalla parte “bassa” dello spettro cromatico  quindi dominata dai toni dell’azzurro e del viola (fig. 1).

Fig. 1 – Composizioni spettrali della luce del nord (in blu), della luce solare a mezzogiorno (in giallo), e della luce del tramonto (in arancio). Diagramma grafico dell’autore.

Anche la luce del tramonto, così come quella dell’alba, hanno dominanti cromatiche prevalenti: il rosso, l’arancio e il giallo. Tuttavia a differenza dell’azzurra luce del nord, la luce rossa del tramonto la troviamo in ristrettissime fasce orarie. La luce azzurra invece è disponibile per tutto il giorno. L’unica limitazione al suo utilizzo è data dall’esposizione delle finestre e delle vetrate che devono guardare a nord.  Scheerbart non parla di esposizione prevalente in quanto le architetture che immaginava erano completamente vetrate.

Le doti della luce del nord sono da sempre state scoperte ed apprezzate soprattutto dagli artisti.  Anche lo stesso Le Corbusier, strenuo sostenitore delle proprietà terapeutiche e salutistiche della luce del mezzogiorno, al momento di progettare l’atelier di pittura del suo amico Amédée Ozenfant preferì l’esposizione verso la luce del nord tramite grandi vetrate e anche, nel progetto originario, di shed in copertura che andavano a catturare la fredda e costante luce della volta celeste, ideale per il lavoro del pittore (2).

La luce del nord non si porta dietro la presenza ingombrante del sole, con i suoi raggi orientati e le ombre nette. La sorgente della luce del nord è la volta celeste, diffusa e costante per gran parte della giornata ed anche dell’anno, priva di ombre nette e contrasti nitidi, ideale per quelle attività come gli studi dei pittori che hanno bisogno di condizioni luminose stabili nel tempo.

Esempio eclatante è lo studio di Jan Vermeer. Di lui non sappiamo quasi nulla di certo, non ha lasciato né scritti né documenti autografi se non le sue opere che tuttavia risultano estremamente eloquenti riguardo gli argomenti che ci interessano: la luce e la sua provenienza (3).  Da dove prendeva luce il suo atelier?  Molto probabilmente dal cielo del Nord.  Quasi tutti i suoi quadri sono ambientati dentro interni domestici. Quasi sempre con la luce proveniente dalla sinistra, molto spesso con le finestre che campeggiano nell’inquadratura. Mai un raggio di sole entra direttamente e nettamente nelle sue tele. Anche quando la luce vi entra copiosa (come nel “Soldato con ragazza sorridente”) ha le caratteristiche distintive della luce del nord: diffusa, omogenea, priva di ombre nette, illumina ovunque anche le aree che non colpisce direttamente. Lascia allo sguardo la possibilità di afferrare alcuni dettagli anche nelle aree in penombra.

Jan Vermeer, Soldato con ragazza sorridente, Frick Collection, New York (foto Wikimedia di pubblico dominio).

Il prezzo che ci chiede la luce del nord è di subire il fascino del suo colore prediletto: il blu.

Andiamo a riguardare lo schema della fig. 1: la composizione spettrale della luce proveniente dalla volta celeste è tutta dominata dalle onde a frequenze ridotte, inferiori ai 500 nanometri, quindi tutti i blu fino ai porpora ed oltre, verso l’ultravioletto. Inevitabile che siano questi i toni che emergono con più forza e bellezza dai quadri di Vermeer. Inevitabile che il pittore stesso pagasse questo pegno attratto dalla bellezza della resa di quel pigmento.  Di che colore sarebbe potuto essere il turbante della protagonista del suo quadro più famoso?

Jan Vermeer, Ragazza con Turbante, Mauritshuis L’Aia (foto Wikimedia di pubblico dominio)

E gli abiti dei protagonisti dei quadri gemelli: “l’astronomo” e “il geografo”?  Per non parlare poi delle gonne delle ragazze con le brocche di latte e d’acqua. Blu, in tutte le sue sfumature e tonalità.

Jan Vermeer, L’astronomo, Museo del Louvre, Parigi (foto Wikimedia di pubblico dominio).

Jan Vermeer, Giovane donna con una brocca d’acqua, Metropolitan Museum of Art, New York (foto Wikimedia di pubblico dominio).

Il conto era “salato”, non solo metaforicamente: il blu, nel XVII secolo era un colore carissimo da ottenere. Tanto da ridurre quasi in miseria il nostro per l’uso estensivo che ne faceva (3). Il blu migliore si otteneva macinando una pietra dura semipreziosa, il lapislazzuli. Pietra carissima sia per le difficoltà d’estrazione sia per la lavorazione necessaria per ridurla in pigmento (4).  Proveniente dalla Cina e dall’Iran (5), in pratica era un prodotto di importazione dalle aree coloniali in cui i mercanti olandesi avevano il predominio commerciale. Sempre dalle colonie provengono anche i nuovissimi pigmenti luminescenti usati da Vermeer per la prima volta in uno dei suoi dipinti più conosciuti: “la lattaia” (6).

Jan Vermeer, La lattaia, Rijksmuseum, Amsterdam (foto Wikimedia di pubblico dominio).

Seguendo i meccanismi della visione sappiamo che ogni oggetto assorbe la luce visibile e riemette verso i nostri occhi la sensazione del suo colore.  In alcuni casi la luce assorbita è riemessa come luce di colore diverso, fenomeno che la meccanica quantistica chiama ”luminescenza”. La luce riemessa, influenza il colore finale del pigmento e la sua luminosità (6).

Tornando di nuovo allo schema della fig. 1 notiamo che una parte importante della composizione spettrale della luce del nord è occupata dagli “ultravioletti”. E’ proprio questa la parte di luce non visibile che nell’incontro con i pigmenti luminescenti crea dei flussi luminosi particolarmente brillanti, fluorescenti diremmo.  Vermeer non ci ha lasciato scritti o documenti certi, quindi anche in questo caso possiamo solo immaginare il suo sguardo nell’osservare l’incredibile brillantezza dei colori che esce dai suoi dipinti grazie alla luce del nord.

 

Note:
1  Paul Scheerbart ARCHITETTURA DI VETRO. Adelphi
2  Link al progetto dell’Atelier Ozenfant di Le Corbusier: https://en.wikiarquitectura.com/building/ozenfant-house/
3  Gustaw Herling LE PERLE DI VERMEER Fazi Editore
4  Link al trailer estratto dal film “La ragazza con l’orecchino di perla”: https://youtu.be/qXf4C1rM5Q4
5  Michel Pastoreau BLU. Ponte alle Grazie
6  Adriano Zecchina ALCHIMIE NELL’ARTE Zanichelli.

Pubblicato su Luce

Più persuasione per tutti! (parte 1)

(di Luca Talamonti) – ottobre 2019

Quando si parla di “persuasione”, molte persone alzano subito un muro, ritenendo questa parola pericolosa, sibillina e portatrice di intenzioni ben poco etiche. Si pensa che “persuadere” significhi usare misteriosi artifici linguistici, persino ipnotici, finalizzati a spingere le persone a pensare, credere e fare cose contro la loro volontà.
La “persuasione” non è in sé buona o non buona. Dipende dall’utilizzo che se ne fa e, soprattutto, dagli obiettivi di chi la mette in atto.
Ebbene, ma chi, di fatto, mette in atto la persuasione?
La risposta tanto semplice, quanto sorprendente, è una sola ed è innegabile: tutti.


Persuasione: come fare magie con le parole
Fonte: https://www.centodieci.it/2017/06/importanza-persuasione-lavoro/

Del resto, ogni volta che interagiamo con qualcuno, sia in ambito personale, sia professionale, il nostro obiettivo non è forse quello di convincere l’altro della bontà delle nostre idee?
Per farlo, inoltre, mettiamo in atto delle strategie, spesso automatiche, per arrivare al risultato. Certo, farlo in modo etico (ossia a vantaggio di ambo le parti), efficace e strutturato con metodo è un altro paio di maniche.
Fin dall’antichità, dopo tutto, l’ars oratoria latina e la retorica greca hanno avuto un ruolo chiave nel convincere e far muovere le masse.
La stessa politica odierna, in qualsiasi parte del mondo, fa leva in molti casi su meccanismi di persuasione ben collaudati, che hanno come obiettivo quello di convincere più persone possibile.
La persuasione è usata praticamente in ogni ambito: non solo in politica, ma anche e soprattutto in ambito marketing, commerciale e pubblicitario.

Cos’è, dunque, la persuasione?
È l’abilità di convincere, sfruttando meccanismi automatici del cervello e usando le trappole della percezione umana.
Già, perché che piaccia o meno, ognuno di noi è altamente manipolabile, in virtù del fatto che il cervello umano è programmato con uno specifico “linguaggio macchina”: esattamente come accade con un computer, se conosci quel linguaggio e lo usi, puoi far fare al computer ciò che vuoi.
Certo, a nessuno piace ammettere una cosa del genere, eppure si tratta di un concetto già ampiamente sdoganato e che dimostra una cosa molto semplice: siamo esseri umani, dotati di un sistema cerebrale complesso e di emozioni potenti.

Una definizione più specifica di cosa sia la persuasione ci viene fornita da chi è oggi considerato il massimo esperto al mondo sul tema: lo psicologo statunitense Robert Cialdini.

Robert Cialdini, il massimo esperto al mondo in tema di persuasione
Fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Robert_Cialdini

Egli afferma che la persuasione è “la capacità di far muovere qualcuno nella nostra direzione, di rendere gli altri più propensi a vedere le cose come le vediamo noi, di farli essere d’accordo con noi in virtù del modo in cui presentiamo le nostre idee”.
Già, del modo.
Sì, perché ovviamente c’è modo e modo di esporre le proprie idee.
E quando si parla di “modo”, in senso specifico, sono tante le discipline in grado di migliorare in maniera preponderante il modo e l’efficacia con cui si espongono i concetti: dalla Programmazione Neuro Linguistica, all’Intelligenza Linguistica, alla Comunicazione Para e Non Verbale.
Rimanendo in ambito più generico, ed entrando nel vivo della persuasione, Cialdini ha fino a oggi identificato 7 Leggi (o Princìpi) principali, più alcune secondarie, a cui tutti gli esseri umani sono soggetti fin dall’alba dei tempi.
Tali Leggi sono perfettamente illustrate, con grande ricchezza di esempi tratti dalla vita quotidiana o da affascinanti esperimenti sociali, nel libro più famoso di Cialdini, “Le Armi della Persuasione” (e nel suo seguito, intitolato “Presuasione”).

La persuasione, se usata con fini poco etici, può essere molto pericolosa
Fonte: https://www.psicologianeurolinguistica.net/2016/10/persuasione-comunicazione-trump-clinton.html

Quali sono e cosa dicono queste Leggi? Lo scoprirai nel prossimo articolo!

Tagged with: , , , , , , , , ,
Pubblicato su Comunicazione

La fiamma di Marsiglia

Il Sistema NCS®© protagonista del nuovo edificio progettato da Jean Nouvel

(di Gianluca Sgalippa) – settembre 2019

          
Possiede una fortissima carica emozionale. Eppure è il frutto di una fortissima razionalità progettuale, secondo un approccio che da oltre 40 anni caratterizza il lavoro di Jean Nouvel. L’archistar francese non agisce secondo cliché linguistici precostituiti, ma cerca delle forme di contestualismo diverse a seconda del tipo di intervento. Denominatore comune: una gestione brillante e originale del fatto tecnologico e costruttivo.

La torre per uffici recentemente inaugurata nell’area portuale di Marsiglia si colloca in un paesaggio fortemente artificializzato e “tecnico”, nonostante la presenza del mare, per il quale è stato pianificato un mix funzionale. Lì accanto, fra l’altro, sorge una torre con la medesima destinazione, progettata dallo studio di Zaha Hadid.

Per Nouvel, la volontà di sfuggire a condizioni di omologazione architettonica è stato il punto di partenza. Lo spiega lui stesso: «Le torri di tutto il mondo sembrano troppo simili, spesso appaiono intercambiabili. Potrebbero stare ovunque. Troppo raramente descrivono la loro città. Sono alte ma anonime. Preso atto di queste considerazioni critiche, la mia proposta è una torre unica. La sua ambizione è di appartenere chiaramente alla densa aria del Mediterraneo. Mostra il suo desiderio di giocare con il sole e disegnare ombre sul cielo… Ma solo ombre leggere, geometrie semplici per creare complessi giochi matematici. E, sì, sempre semplicità e complessità…Immagino questa torre. Ne parlo. La chiamo La Marseillaise».

Le facciate dell’edificio sono composte da una fitta sequenza di pannelli e componenti che attribuiscono alle superfici una spiccata tridimensionalità e un’insolita leggerezza. A ciò si aggiunge la caratterizzazione cromatica, per la quale entra in gioco il Sistema Cromatico NCS®©. L’architetto seleziona una trentina di nuance comprese tra il rosso e il blu, dai toni più accesi a quelli più tenui, distribuiti sulle facciate in senso asimmetrico ma ordinato per gradazione. Come si compenetrano gli strati costruttivi, così si sovrappongono anche i codici colore, determinando gradazioni complesse.
Sul piano visivo, il risultato è una fiammata che si stempera verso l’azzurro. L’impatto paesaggistico è unico, dinamico, capace di riqualificare la distesa di banchine di cemento e di container.

Ancora una volta, il Sistema NCS®© mette al servizio dell’architettura – su alti livelli – uno strumento di grande affidabilità, soprattutto in un manufatto ad altissima articolazione fisica.

Tagged with: , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Editoriali

Abitare il pavimento

(di Cristina Polli) – luglio 2019

L’osservazione del mondo è molto più complessa della semplice attivazione del cervello visivo; implica anche, per esempio, l’attivazione di componenti sensori-motorie ed affettive. La nostra è un’osservazione  multimodale,  sinestetica,  connessa all’esperienza  che ci permette di entrare in relazione con ogni cosa, provando emozioni ed esplicitando comportamenti. Come sosteneva J. Gibson “Il significato o il valore di una cosa, sta in quello che essa ci invita a fare (affordance)”.
Nella scena globale ogni luogo è composto da numerosi elementi, ognuno parte di un tutto, aventi proprie valenze specifiche che interagiscono con il nostro sistema percettivo. Siamo consapevoli della presenza di dimensioni, distanze, profondità, del fatto che ci spostiamo su superfici in un ambiente che subisce la forza di gravità, in quanto da animali “mobili”  quali  siamo,  i  nostri  occhi,  affiancati  l’uno  all’altro  (vediamo  con  effetto stereoscopico), si sono evoluti e adattati in un contesto dove per l’appunto sussistevano la gravità e le tre dimensioni.

Anche lo “spazio pavimento” è quindi vissuto attraverso il nostro corpo, la nostra soggettività, la nostra capacità di interpretare la scena e di relazionarci con essa.
Biologicamente, fisiologicamente, in esso cerchiamo un’istintiva connotazione di sicurezza e solidità; non a caso nel momento in cui psicologicamente siamo indifesi, perdiamo il controllo, diciamo che “ci manca la terra sotto i piedi”. Ciò che è calpestabile è unito all’archetipo della terra, madre matrigna, suolo dal quale nasce la vita (l’albero, le radici), elemento che ci permette di “stare”, sostare, esserci nello stato di animali verticali che si muovono, camminano e sanno orientarsi.. Lo spazio orizzontale, che impariamo a conoscere da subito, gattonando da bambini, in modalità polisensoriale, toccando e facendo esperienza del nostro corpo, suggerisce azioni e attiva risposte.


Scuola primaria Pombia (NO) Studio 3705 e C. Polli, percorsi

Abbiamo necessità quindi – questione davvero di vari equilibri – di stabilità e solidità; nel pavimento cerchiamo materie, forme, geometrie e colori capaci di rassicurarci e non di confonderci o di destabilizzarci. Ciò perché desideriamo vivere in ambienti che rispondano al nostro innato bisogno di sopravvivenza e camminare su superfici instabili, pericolose, o poco leggibili, in alcuni casi buie, è esattamente il contrario di ciò che vorremmo.
In ogni ambito, anche quello privato, abitativo (pur sapendo che in tal caso prevale la soggettività degli utenti e le scelte verranno effettuate rispettando le loro peculiarità), il pavimento dovrebbe essere progettato tenendo conto di tutti gli aspetti percettivi, tra cui logicamente il colore.

Ceramiche Refin – Fossil

“Avila definisce immagine dell’ambiente il risultato di un processo bilaterale fra l’osservatore e ciò che lo circonda, su tre livelli di comunicazione: quello sensoriale percettivo, quello mentale cognitivo e quello affettivo e di valutazione, riferiti ai tre aspetti quantitativi dell’immagine: identità, struttura, significato, per i quali il colore riveste un ruolo fondamentale.” (L-R. Ronchi, S. Rizzo, pag. 39)

Per rispondere alle esigenze biologiche di cui in precedenza si parlava, la superficie sotto i nostri piedi dovrebbe apparire soprattutto sicura. Camminare su un piano opaco, più scuro, caldo alla vista, rincuorante, rientra nella nostra natura. Più complicato caracollare su pavimenti lucidi, troppo chiari, a vetro o addirittura trasparenti (si veda il famoso esperimento di E.J.Gibson e R.D. Walk, The visual cliff, 1960, ove si prova che la visione della distanza compare precocemente, già in bimbi molto piccoli, i quali evitano di avvicinarsi troppo a un apparente precipizio e mostrano grande disagio se vengono posti su una superficie trasparente che lo sovrasta). Non possiamo ritrovare stabilità sopra un elemento che ci rimanda all’acqua e che percepiamo freddo, distante, o peggio che identifichiamo come un vuoto pericoloso. Pare le persone sembrino non gradire pavimentazioni con vetri a specchio e non per questioni soggettive, ma per precise ragioni neurologiche.
Più complessa la progettazione in spazi collettivi, pubblici, specialmente se ci rivolgiamo ad un utenza sensibile. Per una progettazione globale di tali spazi bisogna innanzitutto riferirsi a quello che Kevin Lynch (1960) chiamò wayfinding (letteralmente, trovare la strada), ovvero l’uso coerente e la precisa organizzazioni di segnali sensoriali, di sistemi comunicativi, atti a rendere comprensibili i luoghi e ad aiutare i fruitori ad orientarsi.

Un buon intervento di wayfinding deve essere studiato e distribuito per facilitare l’orientamento (per es. condurre persone estranee ad un edificio, ad un punto desiderato, senza far porre domande durante il percorso e senza incertezze che implichino perdite di tempo). Deve rispondere a domande come: Dove mi trovo? Dove devo andare? Come saprò di esserci arrivato?, attraverso segnali d’informazione, segnali di percorso, segnali di identificazione. Colore, forme, segni, sistemi allogativi situati coerentemente anche sulla superficie di calpestio, possono perciò contribuire ad agevolare la lettura dei luoghi, la fruizione degli stessi e i comportamenti delle persone.

Pavimento in resina con foglie vere – Teknai

Per quanto riguarda invece la scelta del materiale dovremmo tener presente che: “ La prima cosa che le neuroscienze ci dicono sui materiali è che, da organismi viventi quali siamo, ci rapportiamo al mondo attraverso i nostri sensi e le sensazioni corporee interne , ossia, attraverso le diverse aree sensoriali che rispondono a stimoli visivi, uditivi, tattili, olfattivi, cinestetici dei nostri ambienti. Inoltre, queste esperienze sensoriali sono sempre multimodali o cross-modali: percepiamo il nostro ambiente attraverso tutti i nostri sensi contemporaneamente e in parallelo. (…) con ogni materiale di cui facciamo esperienza per mezzo della visione entriamo in contatto per mezzo di un atto incarnato di simulazione tattile.” E ancora: “Alcuni colori o trattamenti dei materiali possono avere un effetto riposante, mentre altri possono averne uno eccitante o sorprendente. Alcuni materiali possono essere creativi e nuovi nel loro uso, mentre altri possono essere tradizionali o evocare certi ricordi o associazioni. Alcuni materiali possono risultare attraenti per le loro qualità tattili, mentre altri respingono la mano umana così come qualsiasi desiderio di contatto. La scelta dei materiali e il contesto in cui li inseriamo definisce già gran parte dell’esperienza architettonica.” (H. F. Mallgrave, pag. 182,183).

Le colonne di Buren nella corte del Palais Royal

Ribadisco, per finire, che ogni intervento, ogni scelta, dovrà essere valutato a sé, mediante un’accurata analisi metaprogettuale e considerando tutte le variabili del caso (enorme differenza intervenire, per esempio, in una casa di cura per persone con deficit cognitivi, piuttosto che in una scuola primaria), ma soprattutto partendo dal chi, ovvero dai percettori e dai loro bisogni. Solo analizzando accuratamente i desiderata, le modalità del vissuto, le esigenze diversificate dei fruitori, i loro movimenti, le loro emozioni, potremmo individuare le fasi del nostro progetto e i reali obiettivi.

Bibliografia
F. Mallgrave, “L’empatia degli spazi”, Architettura e neuroscienze, Raffaello Cortina Editore, MI, 2015
L-R. Ronchi, S. Rizzo, “La Ricerca di Avanguardia vista dall’AIC nel Terzo Millennio”, parte I, L’uomo e l’ambiente, Fond.ne Ronchi, LXXVIII
Frova, “Luce colore visione”, Superbur, MI, 2000
P.Bressan, “Il colore della luna. Come vediamo e perché”, Ed.Laterza, Roma-Bari, 2007
Lynch, “L’immagine della città”, Marsilio, VE, 1982
J.J. Gibson, “Un approccio ecologico alla percezione visiva”, Il Mulino, 1999

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Architettura

Borghi marinari: un mondo di colori

(di Besa Misa) – giugno 2019

Boccadasse, le Cinque Terre, Burano, Procida, sono solo alcuni dei borghi più incantevoli del bel Paese e del mondo. A pochi passi dal mare blu, interessanti tratti cromatici di case variopinte e dall’architettura semplice, definiscono l’anima e l’identità del territorio nonché la riuscita valorizzazione data alle costruzioni.

Le immagini della costa ligure hanno ispirato versi di poeti del calibro di Shelley, Byron, Montale e di cantanti come Fabrizio De André e Gino Paoli. I borghi delle Cinque Terre, che nel tempo sono stati riconosciuti patrimonio dell’Umanità Unesco, colpiscono per le case multicolore dalle tonalità del rosa, rosso e giallo, costruite lungo il ripido versante della scogliera. Il giallo dei limoni spunta da un malchiuso portonee il gelo dei cuore si sfa. La vivacità cromatica sulla terraferma esalta agli occhi dei turisti anche la bellezza del mare.

Boccadasse è un pittoresco quartiere di Genova che ispira musica e poesia. Riflette l’antica tradizione ligure-provenzale che predilige dipingere le dimore con tinte color pastello dalle sfumature di terracotta a quelle dell’albicocca e del pistacchio. La disposizione delle case è ravvicinata e sembra quasi che siano una incastrata nell’altra, come un fermo immagine che blocca anche la linea temporale. E’ la terra delle Creuza de mä, le strette stradine che portano al mare e della vecchia soffitta con una gatta che aveva una macchia nera sul muso, è la terra dei contrasti e di cieli che si tingono di rosa.

L’isola di Burano, oltre ad essere la patria del merletto ad ago è anche uno dei luoghi più caratteristici della laguna Veneta. Le sue case dalle facciate colorate la rendono unica e immediatamente riconoscibile. Oltre l’indubbia bellezza regalata al paesaggio circostante, tale vivacità cromatica ha anche un aspetto funzionale. Ogni tinta infatti serviva per delimitare le proprietà e permetteva agli uomini di mare di riconoscere da lontano la propria abitazione.

Dal Veneto alla Campania, da un’isola all’altra: è la volta di Procida, L’isola di Arturo, ed in particolare del suggestivo borgo di Marina Corricella, che con la sua arena di abitazioni azzurre, rosa e gialle, offre uno spettacolo policromo affascinante.  Dopo essere stato scelto da Massino Troisi come location per girare alcune scene de “Il Postino”, il piccolo villaggio di pescatori, prima luogo poco conosciuto, è ora un’importante meta turistica.

Il comune denominatore di questi splendidi borghi è dunque il magnifico patrimonio di case colorate che donano una migliore qualità percettiva degli spazi. Ed è lì dove terra e mare si incontrano per generare un panorama mozzafiato e un mondo di colori.

Siti consultati:
https://www.parchiletterari.com/parchi/montale-e-le-cinque-terre-015/scenari.php
https://www.repubblica.it/viaggi/2009/07/21/news/procida_le_parole_e_i_colori_del_mare-117041161/
http://www.italianways.com/i-borghi-colorati-tavolozze-affacciate-sul-mare/

Photos via:
https://www.flickr.com/photos/102renato/40421541570
https://www.google.com/url?sa=i&source=images&cd=&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwiYqtStutfiAhXFfZoKHQVTB3QQMwh2KBUwFQ&url=https%3A%2F%2Fwww.intrepidtravel.com%2Fadventures%2Fburano-venice-italy-day-trip%2F&psig=AOvVaw1_vu5wWSmxgG20FbJI3K-1&ust=1559999827521379&ictx=3&uact=3

Tagged with: , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Comunicazione

Colour Match. Cromatologia allo stato granulare

(di Gianluca Sgalippa) – maggio 2019

Ogni artefatto appartenente al mondo dell’arte o del design condensa un percorso di ricerca, in cui con l’esplorazione materica e tecnologica (téchne) si intreccia con un’idea tutta individuale della bellezza e delle forme.

Ancora una volta, la settimana milanese del design, svoltasi dal 9 al 14 aprile scorsi, è apparsa come una galassia costituita da quelle epifanie. Ogni collezione, ogni prodotto, ogni concept ha attirato l’attenzione come atto compiuto, in quanto approdo creativo.
Nella progettazione contemporanea, il prodotto prevale sul processo. Nella nebulosa dei social e delle instaesperienze, la folgorazione mediatica prevale sul pensiero che l’ha generata. Tuttavia, in alcune installazioni viste nei numerosissimi eventi fuorisalone, è ancora possibile rintracciare degli intenti metodologici e strumentali che stanno a monte dell’atto creativo e dell’espressione visiva.

 

 

 

 

 

Fra questi abbiamo trovato “Colour Match”, svoltosi nell’ambito del Lambrate Design District, voluto da NCS Colour Centre Italia, l’azienda impegnata nella diffusione del Sistema Cromatico NCS®© nel nostro paese. Oltre alle licenze a rivenditori e produttori, la rappresentanza italiana sensibilizza costantemente, soprattutto attraverso la formazione, diverse categorie di professionisti (architetti, designer, ecc.) al suo impiego nella pratica progettuale, favorito dalle caratteristiche di fondo del Sistema Cromatico NCS®©: versatilità, affidabilità e impostazione razionale.
Nel trend che inonda di colori saturi il mondo dell’arredo, degli abiti e degli oggetti, la conoscenza e la comprensione profonda del Sistema Cromatico NCS®© ci accompagnano lungo un reticolo di riflessioni sull’impiego del colore, in modo da farlo interagire consapevolmente con l’essenza e la fisicità dell’artefatto.

 

 

 

 

 

L’iniziativa fuorisalone di NCS si è innestata sui risultati dell’omonimo contest permanente per il periodo settembre ’18 – marzo ’19, in cui progettisti e creativi di varia estrazione sono stati invitati a proporre un pattern geometrico/cromatico del tutto personale, ovviamente composto con i codici colore di NCS…
I 15 lavori finora premiati, dalla versione digitale sono stati trasposti alla versione pittorica: 15 quadri 50 x 70 cm, ordinati nella location come vere e proprie opere pittoriche contenute in un scatola bianca, secondo il criterio paratattico spesso adottato nelle gallerie d’arte.
Nonostante l’allestimento rigoroso e ritmico, apparentemente avverso alla complessità del mondo del colore, le opere cromatiche hanno offerto l’occasione per confrontare tanti approcci al mondo del colore e della sensibilità individuale verso un tema che, nell’ambito del progetto, ha avuto fortuna e importanza alterne. Insomma, una mise-en-scène asciutta, schematica, ma capace di parlare di colore in modo articolato e a maglie larghe.
I pannelli cromatici, esposti in sequenza, sono replicati come superficie estesa in un’altra parte della sala. Essa va a costituire uno sfondo coloratissimo per i selfie: non poteva mancare l’interpretazione ludica e mediatica, in linea con la sfera della comunicazione contemporanea, per un argomento ricco di risorse creative e, per questo, in forte rilancio.

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su design
Blog colours.it
Entra in NCS Colour Club
Scopri l’NCS Point più vicino a te
Archivio