Colori caldi e freddi

(di Guglielmo Giani) – marzo 2020

Internet abbonda di tecniche per insegnare ai bambini la differenza tra i colori caldi e quelli freddi, una linea spesso invisibile e un po’ flessibile lungo la ruota dei colori per separare i rossi, gli arancioni, i gialli e i marroni dai blu, i verdi e i viola. Si dice che l’equilibrio tra questi due elementi esalti la bellezza di molte opere d’arte e gli architetti d’interni sostengono che i colori freddi allontanano e fanno espandere le stanze, mentre i colori caldi rendono le stanze più “accoglienti”. Tuttavia, la causa e l’origine del divario caldo-freddo sono tuttora oscure, in gran parte basate sui sentimenti a volte ambigui e sovrapposti che i diversi colori suscitano, in contrapposizione a qualsiasi chiara distinzione scientifica.

Un recente studio1 sostiene come nelle diverse lingue i colori caldi e freddi possano essere distinti in funzione di quanto è facile descriverli. Quando si cerca di descrivere un colore a qualcun altro, quella persona identificherà più velocemente il colore corretto se è caldo piuttosto che freddo. Questo risultato trova probabilmente le proprie radici nell’evoluzione della visione dei colori negli esseri umani e negli altri primati.

Lo studio, pubblicato nel Proceedings of the National Academy of Sciences, ha chiesto un gruppo di persone, la cui lingua madre fosse l’americano, lo spagnolo boliviano o una lingua amazzonica chiamata Tsimane, di effettuare un test di riconoscimento dei colori. I ricercatori hanno dato a un partecipante (il donatore) un campione colore selezionato a caso, chiedendogli di descriverlo a un altro partecipante (il ricevente) usando un’unica parola. Il ricevente doveva selezionare tutti i campioni che potevano rientrare nella categoria descritta dal termine – qualsiasi cosa e tutto ciò che assomiglia a un giallo, o a un rosa, o a un verde, e così via.

Il numero di campioni che il ricevente ha scelto era esemplificativo di una comunicazione “efficiente”: meno campioni corrispondevano a una parola, meno tentativi ci sarebbero voluti perché l’ascoltatore trovasse il campione giusto.

Oltre ai tre gruppi linguistici, i ricercatori hanno utilizzato i dati del famoso censimento World Color Survey. Quando i ricercatori hanno classificato i dati di tutte le 113 lingue, hanno evidenziato una chiara divisione tra colori caldi e freddi: i riceventi sceglievano un minor numero di campioni quando i donatori enunciavano un colore “caldo”. Se dovessimo dividere il corpus di tutti colori percepibili, ogni lingua avrebbe più parole per descrivere la metà calda che la metà fredda. Le parole calde sono più specifiche e più efficienti nel trasmettere un significato.

“Dal punto di vista dell’evoluzione del linguaggio, l’essere umano si è dato molto da fare a creare ed attribuire nomi a cose”, sostiene Bevil Conway (co-autore e ricercatore presso il National Institutes of Health’s National Eye Institute) quindi è ragionevole pensare che siamo più propensi a dare un nome alle cose a cui teniamo di più. Se ci interessano di più le cose dai colori caldi probabilmente daremo un nome a colori più caldi, e lasceremo i colori freddi con meno parole specifiche per descriverli. È comune nella lingua inglese che certi colori vengano identificati sia come blu che come verdi.

Eppure, dice Paja Faudree, antropologo linguistico della Brown University, “non sembra necessariamente ovvio che questa sia una sorta di distinzione universale” tra le diverse culture di tutto il mondo. Faudree, che non è stata coinvolta nello studio, è scettica sull’affidabilità dei dati, dato che “non tutte le lingue hanno parole per descrivere colori che siano legate ad altri aspetti di un oggetto: la grammatica di una lingua, per esempio, può essere tale che i termini di colore sono inestricabili dalle parole che descrivono qualità come fragilità o infiammabilità. Conway riconosce che la maggior parte delle lingue non ha un solo termine per il concetto di colore, per cui può essere difficile anche solo spiegarlo.

  1. Gibson et al. Color Naming Across Languages Reflects Color Use Proceedings of the National Academy of Sciences Oct 2017, 114 (40)

Distribuiamo in esclusiva sul territorio italiano tutti i prodotti e servizi legati al sistema NCS – Natural Colour System®©. NCS – Natural Colour System®© è un sistema logico di ordinamento dei colori che si fonda cu come questi vengono percepito dall'uomo.

Tagged with: , , , , , , , ,
Pubblicato su Scienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

I nostri partner della settimana
Il nostro rivenditore della settimana
Archivio
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: