Il libro rosso

(di Tiziana Vernola) – febbraio 2020

Il rosso è un colore considerato potente e dominante, simboleggia l’energia, attira la nostra attenzione, e nelle persone più sensibili può suscitare tensione e agitazione interna.
Ciononostante questo colore è espressione di slancio, velocità, potere e gioia, ma anche di pericolo e passione, sessualità e amore romantico.
Questo colore è talmente ricco di significati, che non è sfuggito all’attenzione dello psichiatra svizzero Carl Gustav Jung che tra il 1913 e 1930, che scrisse e illustrò il “Libro Rosso”, o “Liber Novus (“Libro Nuovo”), un’opera di 205 pagine, pubblicata poi, nel 2009.

Jung iniziò a lavorare al Libro Rosso a seguito di una personale crisi esistenziale che lo colse dopo la pubblicazione di “La libido: simboli e trasformazioni” e all’allontanamento da Freud, suo maestro.
Autobiografico, raccoglie scritti e immagini, e costituisce un esempio di quello che Jung stesso definirà in seguito “immaginazione attiva”.
Il libro venne inizialmente chiamato Liber Novus ma era conosciuto come Il Libro Rosso.

Ricco di illustrazioni che evocavano immagini fantasmatiche, è considerato un esercizio di “immaginazione attiva”, intesa come strumento di conoscenza ed analisi dell’inconscio.

   

“Gli anni più importanti della mia vita furono quelli in cui inseguivo le mie immagini interiori. A essi va fatto risalire tutto il resto. Tutto cominciò allora, e poco hanno aggiunto i dettagli posteriori. La mia vita intera è consistita nell’elaborazione di quanto era scaturito dall’inconscio, sommergendomi come una corrente enigmatica e minacciando di travolgermi. Una sola esistenza non sarebbe bastata per dare forma a quella materia prima. Tutta la mia opera successiva non è stata altro che classificazione estrinseca, formulazione scientifica (…). “

Rilegato in pelle rossa, trascritto in caratteri gotici, il Libro Rosso include fregi e dipinti fatti da Jung in persona, frutto delle visioni e delle voci che albergavano nella sua testa.
Il libro penetra in un universo parallelo, tutt’oggi in parte incomprensibile, nonostante gli innumerevoli tentativi di interpretazione.
Perché come diceva Jung, il mistero è prezioso e non deve essere necessariamente spiegato: “E’ importante avere un segreto, una premonizione di cose sconosciute. L’uomo deve sentire che vive in un mondo che, per certi aspetti, è misterioso; che in esso avvengono e si sperimentano cose che restano inesplicabili. Solo allora la vita è completa”.
L’idea del Libro Rosso gli nacque per via di una premonizione: durante un viaggio in treno vide l’arrivo di un’alluvione che avrebbe interessato l’intera Europa, metafora di quella che sarebbe stata la Prima Guerra Mondiale.

Il libro Rosso è una discesa negli Inferi, in cui è difficile orientarsi e grazie alla “immaginazione attiva”, le immagini dell’inconscio, trovano una forma e significato, in grado di favorire l’autoconsapevolezza.

Oggi “l’immaginazione attiva” è una tecnica ancora in auge presso alcuni terapeuti, lontana da inutili intellettualismi, trova applicazione nella tecnica della “Esperienza Immaginativa” che è possibile sperimentare nell’ambito di una “Psicoterapia con L’esperienza Immaginativa”.
La psicoterapia con l’E.I. si inquadra, in una cornice teorica riconducibile alla psicologia del profondo ed è un modello basato sull’uso privilegiato della produzione immaginativa.
Si ritiene l’“immaginario” luogo centrale di cura e trasformazione; è psicodinamica, perché ha come oggetto di studio l’insieme di meccanismi e processi psichici sottesi al comportamento.
Questa metodologia è un momento creativo “a due”, collocato in un contesto fatto di collaborazione, fiducia e spontaneità, in cui il terapeuta diventa partecipe dei processi creativi del paziente.

Ciò che interessa fare, è portare la persona a una riflessione profonda e a un certo distanziamento dalle proprie azioni, in modo da favorire lo sviluppo della sua emotività e della consapevolezza di sé.
Divenendo sempre più consapevole delle proprie potenzialità, il paziente, adulto o bambino, può quindi costruire un equilibrato e sereno contesto di vita e soprattutto entrare delicatamente in contatto con le proprie emozioni e, in molti casi, a imparare a esprimerle con maggiore libertà.

Distribuiamo in esclusiva sul territorio italiano tutti i prodotti e servizi legati al sistema NCS – Natural Colour System®©. NCS – Natural Colour System®© è un sistema logico di ordinamento dei colori che si fonda cu come questi vengono percepito dall'uomo.

Tagged with: , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Psicologia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

I nostri partner della settimana
Il nostro rivenditore della settimana
Archivio
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: